Libro

 

Circoli Circoli

di Gianni Sembianti

II racconto si svolge in un arco temporale di trent'anni, intorno all'anno mille. Il testo può sembrare una sorta di diario dell'Europa medioevale con la sua vita violenta sconvolta da pestilenze, scorribande delle popolazioni barbariche, squallore sociale, povertà economica. La presenza del magico, il ritorno di Lucifero, la saga dell'unicorno, costituiscono un filo conduttore anche inquietante che provoca forti emozioni e fa rivivere con intensità momenti drammatici. Il protagonista, un giovane franco di nome Jelko, iniziato al elencato dall'Abate Pierre di Parigi, se ne va per il mondo a imparare le cose della vita. Attraversando una Germania che sta lentamente passando dal paganesimo al cristianesimo, incontra e affranca un ragazzo condannato a morte per assassinio, portandolo con sé nella speranza di redimerlo.

 

Edizione -- anno 2009
Editore: Reverdito - Lingua: - Collana:
Pagine: 224 - Traduttore:
ISBN: 8863140162 - EAN: 9788863140163
Utenti che lo posseggono: 2
Recensioni: 1
Inserito da gaiakilua

Vota:
 
 

Ultimi video inseriti

Attenzione! Se ti registri o effettui il login potrai registrare il tuo video personale.

MOSTRA TUTTI / REGISTRA VIDEO

LA PIU' VOTATA

Il Cavaliere dell'Anno Mille
Questo libro fantasy può essere paragonato a un diario che descrive la situazione dell'europa nel periodo di tempo che precede l'anno mille, cioè la così temuta fine del mondo.
A dare il via al racconto è la partenza di un giovane ragazzo franco di nome Yellicuro di Torres, detto Yelko, che dopo anni di insegnamento ricevuti dall'Abbe Pierre viene solecitato da quest'ultimo a partire per l'Europa. Al protagonista si aggiunge presto un giovene ragazzo proveniente dalla germania, condannato a morte per omicidio, ma salvato da Yelko che lo porta con sè come schiavo. I due giovani intraprendono poi un duro viaggio verso le strade del nord tra foreste, paludi e città misteriose. Poi si dirigonoinvece verso sud e si aggregano a una comitiva di uomini di chiesa, capeggiati dal Vescovo Edelberto, diretti verso Roma. Arrivati alla grande Urbe rimangono delusi dall'aspetto della città, considerata l'ombra dello splendore del vecchio impero, così i due ragazzi, causa lo scoppio della peste ripartono dopo pochi giorni trascorsi nella terra di San Pietro.
Risalendo verso Nord si stabiliscono a Tridento, nel vescovado di Rainoardo, che assolda Benno come capitano del suo esercito, data la forza fisica del ragazzo e gli dà il compito di sottomettere tutte le valli circostanti. Quì si svolge gran parte della storia, tra combattimenti, oscuri presagi e l'avvicinarsi della fine del mondo.
Dopo lo spannung, ossia il momento di massima tensione del racconto, in cui il ritmo diviene incalzante, si ha un vero e proprio scioglimento in cui viene descritta la lenta ripresa della vita dopo l'anno mille. Infine i due protagonisti si dividono, per poi rincontrasri una ventina di anni più tardi sempre a Tridento, ma questa volta in ambiti diversi perchè si scopre che il sanguinario condottiero Benno è diventato il nuovo vescovo della città e confersice il potere di conte a quello che una volta era il suo padrone. Così dopo una grande festa si conclude il racconto, con Yelko che riflette ancora una volta sulla differenza tra il bene e il male, tra Dio, l'unicorno, L'ucifero e Mumalnak e questa volta con l'aiuto di Benno, ormai illustre uomo di chiesa riesce ad arrivare alla conclusione che durante i suoi viaggi spesso il male è stato al suo fianco, scoprendo poi le vere identità di personaggi a lui fidati che nascondevano al loro interno presenze diaboliche.

Scritta il 10/09/2009 alle 12.41 da SimoneRivola  0 commenti
Leggi Commenta   

Voto: