Libro

 

Circoli Circoli

di Benedetta Craveri

Se si dovesse dire in cosa e in quali luoghi si cristallizzò l'ideale della più oziosa, spregiudicata, esigente civiltà europea fra Seicento e Settecento, si potrebbe rispondere: in alcuni salotti di Parigi, dove si celebravano i riti, insieme esoterici e trasparenti, della conversazione. Via via allontanata, per volontà del sovrano, dall'uso della forza come dal potere politico più incisivo, l'aristocrazia spese le sue ultime, dispettose energie nell'elaborare un modo di vivere che pretendeva di raggiungere un traguardo di perfezione a partire dal quale tutto il passato apparisse grezzo e goffo. Con l'ausilio di alcuni geni della socievolezza si creò così una corrente impetuosa che attraversò due secoli e investì vastissimi territori

 

Edizione 1° anno 2006
Editore: Adelphi - Lingua: italiano - Collana: Gli Adelphi
Pagine: 651 - Traduttore:
ISBN: 8845920607 - EAN: 9788845920608
Utenti che lo posseggono: 1
Recensioni: 1
Inserito da Luca

Vota:
 
 

Ultimi video inseriti

Attenzione! Se ti registri o effettui il login potrai registrare il tuo video personale.

MOSTRA TUTTI / REGISTRA VIDEO

LA PIU' VOTATA

Scienza della comunicazione mondana.
Il bello è che a quello che Benedetta Craveri racconta in questo libro probabilmente non avevate mai pensato (se siete semplici curiosi), ma può anche darsi che abbiate saputo tutto per infusione di uno spirito Guermantes. In fondo la levità della conversazione nasconde spiriti guerrieri che trovavano nel salotto il proprio campo privilegiato di azione, hortus conclusus in cui a trionfare furono per lungo tempo le buone maniere e soprattutto le donne. Sicuramente non ogni donna, principalmente l'aristocratica ma talvolta la borghese di spirito eppure tanti grandi spiriti hanno saputo e potuto esprimersi proprio grazie alla civiltà della conversazione inaugurata in Francia nel XVII secolo e trionfalmente entrata nel secolo successivo. Molti spunti sul perché le buone maniere non sono inutili e tanti ritratti di donne straordinarie e dei loro altrettanto straordinari ospiti. Il riscatto femminile passa anche dal salotto e come sempre l'avanguardia di ogni cambiamento è l'aristocrazia. Dedicato a tutti coloro che amano il bello: beau vivre, arte della parola e gusto della conversazione. D'obbligo per chi volesse aprire un salotto con cognizione di causa.

Scritta il 30/06/2009 alle 21.37 da Luca  0 commenti
Leggi Commenta   

Voto: