Libro

 

Circoli Circoli

di Abdourahman A. Waberi

Una polifonia della guerra e dell'esilio, un romanzo corale nel quale cinque voci si sovrappongono senza mai confondersi. Sullo sfondo, il Gibuti, nel corno d’Africa, stato-cerniera tra Africa bianca e Africa nera, ultima terra ad ottenere l’indipendenza dalla madrepatria, la Francia.Bashir “Bin Laden” e Harbi si incrociano nella zona transit dell'aeroporto Charles De Gaulle, senza conoscersi e senza avere nulla in comune se non la provenienza da Gibuti e la ricerca di asilo. Bashir, detto “Bin Laden”, mercenario dal linguaggio crudo e sgrammaticato, interpreta "l'altra faccia" del terrorismo: Colpivamo col manganello le persone per strada per ridere, saccheggiavamo i negozi per la merce. Scopavamo le ragazze di giorno e di notte. Harbi, intellettuale disilluso, è ormai stanco e sconfitto dopo gli anni della lotta politica a Gibuti e dell’idealismo, anche se la passione civile lo riporta indietro. Alle loro voci si affiancano quelle di Alice, moglie bretone di Harbi, che mescola i ricordi della sua terra d’origine con quelli del confronto-scontro con la cultura di un altro pianeta; il figlio Abdo-Julien, che coi suoi 17 anni rielabora il vissuto della stagione degli anni ’70 trasmessogli dai suoi genitori e le sue passioni da adolescente; Awaleh, padre di Harbi, ultimo testimone delle radici nomadi, delle leggende e della cultura del deserto. Scritto in una lingua matura e bellissima, in cui si mescolano immagini poetiche, ironiche e crude, Transit non ha personaggi buoni e cattivi: ogni punto di vista ha una propria dignità, anche lo spietato mercenario rivendica la “libertà di essere cattivi".

 

Edizione 1° anno 2005
Editore: Morellini Editore - Lingua: Italiana - Collana: Griot
Pagine: 152 - Traduttore:
ISBN: 9788889550014 - EAN:
Utenti che lo posseggono: 1
Recensioni: 0
Inserito da morellini_editore

Vota:
 
 

Ultimi video inseriti

Attenzione! Se ti registri o effettui il login potrai registrare il tuo video personale.

MOSTRA TUTTI / REGISTRA VIDEO